Medical Riccardo Di Paola

DANZA ED EFFETTI DELLO STRETCHING SULLA FORZA E L’AFFATICAMENTO MUSCOLARE

La danza è un’arte che descrive da sempre l’espressione di un movimento corporeo armonico scandito da un ritmo. Un’arte antica, dunque, che appartiene a tutte le culture e che si esprime attraverso il corpo in modo improvvisato o secondo una coreografia prestabilita.
Nella nostra cultura le origini della danza risalgo all’era preistorica. Nel corso dei secoli è documentata quasi sempre in associazione ad altre arti come la musica, il teatro e il canto. Nella tradizione popolare, infine, è denominata anche ‘ballo‘.
 
Storia e origini della danza :
 
Sin da tempi antichissimi, la danza è parte integrante di rituali, preghiere, momenti sacri e di aggregazione. La ritroviamo nelle feste popolari, nei teatri e in tutti quei luoghi e quelle situazioni declinati all’intrattenimento e allo spettacolo.
Per capire le origini di questa arte nobile e antica dobbiamo fare un salto all’indietro di millenni. Inoltre, a seconda delle civiltà e delle culture a cui la rapportiamo, la danza si è evoluta con modalità e significati del tutto diversi tra loro.
Nelle civiltà indiane, cinesi ed egiziane, la danza era la considerata la massima espressione dell’armonia degli astri. Per i Greci si trattava di un’arte protetta dalla musa Tersicore, simbolo dell’essenza stessa della cultura ellenica. I Romani, invece, non sembravano prediligere la danza nelle occasioni di svago, ma la consideravano imprescindibile per celebrare il periodo dei Sette Re.
 
Generi di danza :
 
Durante la sua evoluzione, la danza ha conosciuto molteplici trasformazioni che l’hanno mutata in tantissime forme e generi differenti. Questi mutamenti, del resto, hanno quasi sempre seguito quelli del teatro, della musica e dello spettacolo diventando specchio dei cambiamenti sociali. I principali  generi in cui si suddivide oggi la danza sono:
  • classica
  • moderna
  • contemporanea
  • sportiva
Al di là di come viene espressa, oggi questa arte è considerata un vero e proprio linguaggio universale attraverso cui esprimersi su un palcoscenico.
Benefici della danza
 
Se la consideriamo come sport, la danza è un’attività fisica dai molteplici benefici sia per il corpo che per la mente. Si tratta, infatti, di un insieme di movimenti che stimola tante facoltà, investendo chi la pratica nella sua totalità.
 
Dunque, considerarla semplicemente una disciplina sportiva sarebbe riduttivo. E’ più uno strumento di espressione totale dell’essere umano in quanto tale e in quanto atleta. Implica equilibrio e controllo perfetto di mente e corpo. Tutti i tipi di danza, nessuno escluso, assicurano benessere psico-fisico ad ogni età e livello.
Benefici fisici:
  • Aiuta a bruciare calorie e perdere peso corporeo
  • Tonifica e sviluppa in maniera armonica l’apparato muscolare
  • Sviluppa la coordinazione
  • Regola la postura
  • Stimola il metabolismo lipidico
  • Favorisce la circolazione sanguigna
  • Aiuta la mobilità articolare e l’elasticità complessiva del corpo
 
Benefici Psicologici:
 
  • Stimola l’aggregazione e la socialità
  • Aumenta il livello di endorfine nel sangue, quindi il buonumore
  • Aiuta a liberare la mente dalle tensioni, dallo stress e allevia l’ansia
  • Permette di vincere la timidezza e l’inibizione a mostrarsi in pubblico
  • Stimola l’acquisizione di una maggiore consapevolezza corporea
 
 
La danza, dunque, non solo è gioia e divertimento, ma anche movimento fisico e sport. In quanto tale ha ricadute molto positive sul nostro organismo e pochissime controindicazioni, tanto è vero che è praticata da tutti e a tutte le età. In un certo la si può considerare la ginnastica anti-aging per antonomasia, perché aiuta tanto la mente quanto il corpo a restare in forma e favorisce la socialità tra individui.
 
 
Vediamo gli effetti acuti dello stretching statico contro balistico sulla forza e l’affaticamento muscolare tra ballerini e donne allenate alla resistenza
 
Lo stretching viene utilizzato per aumentare il range di movimento articolare (ROM), ma ricerche precedenti hanno trovato risultati contrastanti per quanto riguarda lo stretching e il rischio di lesioni. McHugh e Cosgrave hanno scoperto che lo stretching non riduce le lesioni causate da un uso eccessivo, ma potrebbe ridurre le lesioni da sforzo muscolare. Lo stretching viene di solito eseguito prima dell’allenamento e della partecipazione sportiva, in particolare per le ginnaste. Inoltre, è una parte importante dell’allenamento per ballerini. Uno degli obiettivi dello stretching è ottenere una maggiore flessibilità per eseguire movimenti specifici. I ballerini iniziano l’allenamento della flessibilità quando sono molto giovani. Tuttavia, gli individui addestrati alla resistenza si concentrano sul potenziamento della forza e del potere mediante l’esercizio anaerobico, dove non sono richiesti elevati livelli di flessibilità. Pertanto, i livelli di flessibilità e gli obiettivi della formazione differiscono tra queste 2 popolazioni.
 
Due tecniche principali per migliorare la ROM sono lo stretching statico e balistico. Lo stretching statico è il più comunemente usato e comporta l’allungamento di un muscolo fino al disagio e quindi il mantenimento di quella posizione per un breve periodo di tempo. Lo stretching balistico comporta continui movimenti di rimbalzo alla fine della ROM, dove il muscolo è alla massima lunghezza. Tuttavia, alcuni allenatori e professionisti preferiscono non utilizzare questo tipo di allungamento, poiché potrebbe aumentare il rischio di lesioni.
 
Gli effetti cronici e acuti dello stretching sono diversi. Kokkonen ha scoperto che lo stretching statico cronico ha migliorato la flessibilità. Tuttavia, lo stretching statico può ridurre drasticamente la forza muscolare (2,22). Un’ipotesi per questo è che lo stretching può ridurre la rigidità del tendine, che può costringere il muscolo a lavorare a una lunghezza inferiore. Un’altra ipotesi è correlata a una riduzione dell’unità neurale centrale. Gli effetti acuti dello stretching balistico sono contrastanti. Alcuni risultati dimostrano che lo stretching balistico può aumentare la potenza muscolare, mentre altri hanno dimostrato che può ridurre la forza e la resistenza. Due componenti fondamentali delle prestazioni atletiche e umane sono la forza e la resistenza muscolare, in quanto sono essenziali per le massime prestazioni. Sebbene alcune ricerche precedenti abbiano dimostrato che lo stretching balistico e statico portano a miglioramenti simili nella ROM e possono portare a effetti simili sulla forza muscolare, una recente revisione ha mostrato che gli effetti negativi dello stretching sulla prestazione acuta possono essere correlati alla durata dello stretching.
 
Questi effetti acuti possono dipendere dalla modalità di allungamento, dal tipo di esercizio di allungamento, dalla durata dell’allungamento o dalla popolazione del campione. Inoltre, poiché il focus sull’allenamento delle donne e dei ballerini allenati alla resistenza è diverso, anche gli effetti acuti dell’allungamento sulla forza e sulla flessibilità possono essere diversi. Pertanto, lo scopo di questo studio era di confrontare gli effetti acuti dello stretching statico contro quello balistico sulla forza e l’affaticamento muscolare tra ballerini e donne allenate alla resistenza.
 
“Approccio sperimentale al problema”
 
Per esaminare gli effetti acuti di 2 tipi di allungamento sulla coppia e sull’affaticamento muscolare tra 2 diverse popolazioni, ballerini e donne allenate alla resistenza hanno eseguito test isocinetici per muscoli posteriori della coscia concentrici e forza del quadricipite e affaticamento del quadricipite della gamba destra. Sono stati utilizzati test ROM sit-and-reach e quadricipiti per misurare la flessibilità. Questi sono stati fatti in 3 diverse condizioni di controllo, stretching statico e balistico.
 
“Soggetti”
 
Quindici donne allenate per la resistenza (età 23,8 ± 1,80 anni, fascia d’età = 20–29, massa 67,47 ± 7,77 kg, altezza 168,30 ± 5,53 cm) e 12 donne ballerina (BD) (età 22,8 ± 3,04 anni, massa 58,67 ± 5,65 kg, altezza 168,00 ± 7,69 cm) si è offerto volontario per partecipare. Le donne addestrate alla resistenza hanno partecipato a un programma di allenamento della resistenza per almeno 6 mesi, mentre le donne BD hanno partecipato al balletto per almeno 5 anni. Entrambi i gruppi si sono allenati almeno 3 volte a settimana. Le donne addestrate alla resistenza non erano impegnate nell’allenamento della flessibilità e le donne BD non erano impegnate nell’allenamento della resistenza. Le donne addestrate alla resistenza sono state impegnate in programmi per tutto il corpo in sala pesi. Tutti i partecipanti sono stati idratati per tutte le sessioni. Tutti i partecipanti erano asintomatici e liberi da lesioni muscoloscheletriche. Ogni soggetto ha letto e firmato un documento di consenso informato approvato dall’università prima della partecipazione.
 
 
Lo scopo di questo studio era di studiare gli effetti acuti dello stretching statico e balistico su forza, ROM e affaticamento tra ballerini e donne allenate alla resistenza. I risultati hanno dimostrato che, indipendentemente dal gruppo, lo stiramento riduceva notevolmente la forza dei muscoli posteriori della coscia, senza effetti sui quadricipiti. Inoltre, i ballerini avevano meno fatica a seguito di balistiche rispetto allo stretching statico, senza differenze nelle donne allenate per la resistenza. Per la ROM, entrambi i gruppi sono migliorati in modo simile dal pre al post seguendo entrambi i tipi di stretching. Questi risultati possono essere dovuti a muscoli posteriori della coscia più deboli rispetto ai quadricipiti e che la maggior parte degli esercizi eseguiti nell’allenamento di balletto e resistenza sono focalizzati sul rafforzamento dei quadricipiti.
 
Precedenti studi hanno studiato gli effetti acuti dello stretching statico e balistico sulla forza. Bacurau ha scoperto che lo stretching statico riduceva 1 massimo ripetizione (RM) in una pressa per gambe; tuttavia, non vi è stato alcun effetto dopo lo stretching balistico. Inoltre, lo stretching statico ha aumentato la ROM in misura maggiore rispetto a quella balistica. Non abbiamo trovato differenze tra i tipi di stretching sulla ROM, il che potrebbe spiegare le nostre simili diminuzioni di forza. Guissard ha scoperto che una maggiore ampiezza di allungamento ha portato a una diminuzione del riflesso-H, correlata alla sensibilità neuromuscolare. Questa riduzione può essere correlata alla tensione dello stretching, quando il meccanismo di protezione del muscolo è inferiore alla resistenza applicata. Alcuni studi hanno messo in relazione gli effetti acuti negativi dello stretching sulla forza con una riduzione del motore neurale centrale (6,16). Tuttavia, Cramer e Nelson hanno riferito che questi effetti negativi possono essere dovuti a una riduzione della rigidità del tendine, in quanto l’estensibilità di queste strutture può essere correlata a una maggiore conformità. Lo stretching può anche cambiare il materiale funzionale del componente elastico in serie che trasmette meno energia al muscolo, il che può influire sulla capacità del muscolo di produrre forza. Nelson e Kokkonen hanno scoperto che lo stretching balistico diminuiva di 1RM nei muscoli posteriori della coscia e nei quadricipiti. Questo è in parziale accordo con i nostri risultati, poiché abbiamo visto una riduzione solo della forza dei muscoli posteriori della coscia. Costa ha studiato gli effetti acuti dello stretching statico sulla forza dei muscoli posteriori della coscia e dei quadricipiti e ha scoperto che la forza dei muscoli posteriori della coscia è diminuita a seguito dei soli muscoli posteriori della coscia e combinato stiramento dei quadricipiti e dei muscoli posteriori della coscia. Tuttavia, anche la forza dei quadricipiti è diminuita in una condizione di controllo. Ciò potrebbe essere stato dovuto all’esecuzione di pre e post test nello stesso giorno, inducendo così l’affaticamento.
 
I nostri risultati suggeriscono che lo stretching statico e balistico può ridurre la forza dei muscoli posteriori della coscia in modo simile nei ballerini e nelle donne allenate alla resistenza, senza alcun effetto sulla forza dei quadricipiti. Tuttavia, lo stretching balistico può ridurre l’affaticamento muscolare nei ballerini senza effetti sulle donne allenate per la resistenza. Infine, lo stretching statico e balistico può portare a miglioramenti acuti simili nella ROM nei ballerini e nelle donne allenate alla resistenza.
 
 
 
Questo studio dimostra che lo stretching statico e balistico non dovrebbe essere eseguito immediatamente prima della prestazione di forza massima, poiché diminuisce la forza dei muscoli posteriori della coscia. Tuttavia, lo stretching balistico può essere utile per ridurre l’affaticamento muscolare nei ballerini senza alcun effetto nelle donne allenate alla resistenza. Entrambi i tipi di stretching possono essere utilizzati per aumentare la ROM acuta. Sono necessarie ulteriori ricerche per studiare durate e intensità alternative di stretching su ROM, forza e affaticamento muscolare.
 
 
Referenze
  • Tuttogreen.it
  • “ I diversi tipi di danza e i benefici fisici e psicologici collegati” di Erika Facciolla, 25.09.2019
  • Lima, Camila D.; Brown, Lee E.; Wong, Megan A.; Leyva, Whitney D.; Pinto, Ronei S.; Cadore, Eduardo L.; Ruas, Cassio V.
  • The Journal of Strength & Conditioning Research: November 2016 – Volume 30 – Issue 11 – p 3220-3227
  • doi: 10.1519/JSC.0000000000001606.
  • American College of Sports Medicine. ACSM’S Guidelines for Exercise Testing  and Prescription (6th ed.). Philadelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins, 2000.
  • Copyright © 2016 by the National Strength & Conditioning Association.
 
 
Author : Riccardo Di Paola Writing Articles & Social Media Marketing di Scienze Salute e Benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: