Chinesiologia Cristiano Ialongo Psicologia

METODOLOGIA DELL’INSEGNAMENTO E APPRENDIMENTO NELL’ETA’ EVOLUTIVA

Lo sviluppo motorio avviene in più fasi nel corso della vita di ogni singolo individuo.
Ognuna di queste fasi è condizionata da alcuni fattori: quelli ereditari che comprendono il sesso, il patrimonio genetico, la razza e quelli ambientali, cioè la famiglia, l’alimentazione, l’igiene, la scuola.
La fase in cui inizia lo sviluppo motorio dell’essere umano è chiamata fase evolutiva, che inizia dai primi mesi di vita.  La fase evolutiva comprende al suo interno dei periodi significativi per l’apprendimento.
Il primo periodo fondamentale è quello neo-natale, dove si hanno le prime stimolazioni ambientali e i primi contatti umani; in questo periodo è importante favorire la libertà della motricità del soggetto, creando spazi liberi e condizioni ideali, così da poter dare la possibilità al bambino di esplorare liberamente l’ambiente circostante. Un’altra tappa importante per lo sviluppo motorio nella fase evolutiva è chiamata prima infanzia: periodo che va dai 18 mesi ai 3 anni.
In questa fase il bambino presenta un aumento delle capacità di memorizzazione e sviluppa capacità di risolvere i problemi attraverso prove ed errori. In tale fase, dovranno essere ampliate nuove conoscenze spazio-temporali semplici e la sperimentazione degli schemi motori di base come, correre, lanciare, strisciare; sarà l’ambiente a stimolare la maturazione degli schemi ed il loro sviluppo.
Dai 3 ai 5 anni, periodo definito come seconda infanzia dell’età evolutiva, hanno inizio le prime forme di rappresentazione mentale e di controllo motorio; permettere in questa fase un’attività spontanea, giochi motori di imitazione illustrati dall’istruttore. Nella quarta fase dell’età evolutiva: la fanciullezza (dai 5 a 7 anni), definito anche periodo “proceritas prima”, sono da favorire attività e giochi di relazione e giochi di conoscenza del proprio corpo, data la limitata comprensione delle spiegazioni astratte e la paura di affrontare nuove esperienze di movimento.
Da 8 a 11 anni (fanciullezza) il bambino presenta un buon grado di coordinazione e di controllo del corpo e buona capacità di attenzione e di concentrazione; in questo periodo è bene intensificare azioni per uno sviluppo completo degli schemi motori di base e un primo approccio alle attività sportive. Altro periodo della fase evolutiva è la pubertà, da 11 a 14 anni, in cui il buon possesso delle capacità di astrazione permettono di accrescere l’attività sportiva e il potenziamento fisiologico
Nell’ultima fase, importante per lo sviluppo motorio, è l’adolescenza, in cui il ragazzo presenta un ottimo grado di coordinazione motoria e buona capacità di intuizione e di produzione di pensiero divergente. In questo periodo si potrà favorire un perfezionamento delle tecniche sportive e lo sviluppo delle capacità condizionali e coordinative. Nel processo di sviluppo motorio e sportivo, una scelta corretta dei metodi da utilizzare diventa per tanto strategica:
Metodo induttivo – che si sviluppa attraverso il passaggio dal particolare, cioè dalle esperienze reali, al generale, ovvero all’assimilazione delle regole. Questo metodo è sicuramente più indicato per soggetti più giovani.
Metodo deduttivo – parte da una considerazione generale per arrivare ad una considerazione particolare. Quello che più interessa è la correlazione che si viene a creare con abilità che non sono solo fisico-motorie, ma anche relazionali, sociali e soprattutto cognitive. Uno dei fattori più importanti nell’acquisizione delle abilità motorie è il feedback, che rende il soggetto capace di valutare il successo o insuccesso della propria prestazione. Il perno dell’apprendimento non è quindi il movimento stereotipato, ripetuto, ma è il gioco, la creatività motoria, la correlazione tra i saperi e le discipline, che in questo modo diventano reale costruzione di “competenza” per ognuno.
REFERENZE
  • Pesce, C., Marchetti, R., Motta, A., Bellucci, M., Joy of Moving. movimenti e  immaginazione, s.l., Calzetti Mariucci editori, s.d.
  • Brunetti, G., Allenare l’atleta. manuale di metodologia dell’allenamento  sportivo, s.l., edizioni sds, s.d.
 AUTORE: CRISTIANO IALONGO Freelance di Scienze Salute e Benessere
Longo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: