Chinesiologia Eugenio Scibetta Medical

SPORT ED ESERCIZIO FISICO DURANTE E OLTRE LA PANDEMIA COVID-19

La pandemia COVID-19 in corso è una crisi globale di dimensioni senza precedenti nei tempi moderni. Mentre ci avviciniamo alla seconda metà del 2020, il virus SARS-CoV-2 ha già infettato oltre 4,5 milioni in tutto il mondo con oltre 300.000 decessi.1 L’attenzione collettiva alla lotta contro questo patogeno ha portato a un aumento esponenziale delle conoscenze su COVID-19. Tuttavia, una terapia antivirale efficace e un vaccino rimangono sfuggenti. Ciò che viene stabilito e ripetutamente enfatizzato include l’importanza dell’igiene delle mani e delle misure di allontanamento fisico per ridurre al minimo la trasmissione della malattia.

La necessità generale di ridurre la trasmissione delle malattie ha avuto un enorme impatto sullo sport e sull’esercizio fisico. Da una prospettiva individuale, le restrizioni geografiche all’esercizio all’aperto e la necessità di restare a casa hanno portato a una riduzione dell’attività fisica e ad un aumento del comportamento sedentario. All’interno della comunità sportiva, tutte le forme di sport organizzato sono state cancellate o rinviate. Questi vanno da eventi di partecipazione di massa come le gare di maratona, a campionati di calcio finanziariamente redditizi e persino l’apice dell’eccellenza sportiva, i Giochi olimpici estivi. Mentre la pandemia fa il suo corso, persistono incertezze sulla sicurezza dell’esercizio, la ripresa dell’attività sportiva e su come gestire gli atleti infetti.

In questo numero dell’European Journal of Preventive Cardiology, Bhatia e colleghi 2 utilizzano un formato di ‘domanda e risposta’ per: (a) evidenziare l’impatto di COVID-19 sul cuore, (b) sottolineare l’importanza di un’attività fisica regolare e ( c) fornire una guida che delinei la gestione degli atleti e dello sport agonistico durante e oltre questa pandemia (fig.1)

fig.1: Considerazioni per lo sport e l’esercizio fisico durante la pandemia COVID-19.

Sebbene sia principalmente una malattia respiratoria, COVID-19 può manifestare molteplici sequele cardiovascolari, come evidenziato dagli autori nella prima parte del documento. Queste sequele vanno dall’aumento della troponina alla miocardite, alla coagulopatia e allo shock cardiogeno.3 Inoltre, l’uso di farmaci off-label può predisporre ad aritmie maligne. Gli autori sollevano anche la possibilità di esiti avversi in quelli con canalopatie sottostanti come la sindrome del QT lungo. Queste sono considerazioni pertinenti per coloro che si prendono cura di atleti con COVID-19.

I dati emergenti suggeriscono che il coinvolgimento cardiovascolare durante l’infezione acuta da COVID-19 non è insolito, con danno miocardico – definito come livello di troponina cardiaca (cTn) al di sopra del 99° percentile del limite di riferimento superiore – presente in oltre il 15% dei pazienti ospedalizzati con COVID-19.4 I predittori indipendenti di danno miocardico includono età avanzata, presenza di comorbidità e marcatori infiammatori elevati. Il grado di elevazione del cTn sembra predire la mortalità intraospedaliera, rafforzando l’importanza di questo biomarcatore nella stratificazione del rischio.4

Nella seconda parte dell’articolo di ribadisce l’importanza dell’igiene personale, del distanziamento sociale e del mantenimento di uno stile di vita sano per ridurre il rischio di infezione da COVID-19. 

L’attività fisica è incoraggiata – pur rispettando le restrizioni pandemiche – per i suoi inconfutabili benefici fisici e mentali. Tuttavia, si consiglia cautela a coloro che pianificano attività di resistenza prolungate come la maratona, al fine di evitare i rischi di sovrallenamento. Questi includono una riduzione teorica dell’immunità a seguito di attività ad alta intensità da parte di individui non addestrati.

Questa è un’opportunità cruciale per sottolineare non solo l’importanza vitale dell’esercizio fisico regolare, ma anche le sconcertanti conseguenze dell’inattività. La prevalenza globale di inattività fisica supera il 30%, con i suoi effetti deleteri sulla salute fisica e mentale che causano oltre tre milioni di morti ogni anno anche prima del COVID-19.5 In mezzo all’attuale pandemia, la chiusura di strutture sportive comuni come piscine e palestre è stata gravemente opzioni esaurite per l’esercizio, portando a un aumento del comportamento sedentario. Invece di incoraggiare semplicemente l’esercizio, gli individui dovrebbero essere esortati a evitare l’inattività quando possibile.

Nella sezione finale gli autori elaborano l’impatto del COVID-19 sugli atleti d’élite. Il test degli atleti per COVID-19 è ritenuto appropriato in quelli con sintomi o esposizione confermata alla malattia, con la disponibilità di risorse che guida le decisioni sui test universali. Si consiglia inoltre di ripetere il test negli atleti con sintomi persistenti, data la possibilità di risultati falsi negativi.

È opportuno ripetere il test sugli atleti sintomatici con test negativi. Con l’innalzare dei paesi che aumentano i test COVID-19, il numero di test falsi negativi aumenterà di conseguenza. Anche quando la sensibilità diagnostica di un kit di test si avvicina al 99%, i test universali su una popolazione di un milione rivelano che almeno 10.000 individui erroneamente identificati come liberi da malattia, mettono in serio pericolo la salute e la sicurezza pubblica.

Gli autori forniscono quindi raccomandazioni sull’allenamento fisico dopo un’infezione acuta. Si raccomanda agli atleti con test positivi di astenersi dall’attività fisica per almeno 7 giorni. Dopo la risoluzione dei sintomi per 7 giorni, si consiglia un progressivo ritorno all’allenamento per altri 7 giorni. Si suggerisce la misurazione di cTn negli atleti con sintomi cardiovascolari per valutare possibili lesioni miocardiche e miocardite. Se la miocardite viene confermata dopo la valutazione diagnostica, le linee guida esistenti possono essere utilizzate per guidare la gestione.

Prima del COVID-19, anche dopo i focolai di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2002, influenza H1N1 nel 2009 e sindrome respiratoria mediorientale nel 2012, gli atleti con infezioni del tratto respiratorio potevano riprendere l’allenamento a bassa intensità dopo essere stati privi di sintomi per 2-3 giorni.6 In confronto, le durate di riposo proposte e la successiva ripresa dell’allenamento dopo l’infezione da COVID-19 sono sostanzialmente più lunghe di prima. Ciò è coerente con le stime riportate di 2 settimane dall’esordio della malattia alla guarigione medica.1 Data la predilezione per il coinvolgimento cardiovascolare in COVID-19, l’utilizzo di cTn è prudente per facilitare la diagnosi precoce e il trattamento di potenziali condizioni cardiache avverse.

In preparazione per l’eventuale ripresa dello sport agonistico, gli autori propongono un quadro per la valutazione degli atleti per il ritorno a giocare. Gli atleti sono classificati in tre livelli di rischio in base a: 1) durata della malattia> 7 giorni, 2) sintomi cardiaci persistenti o invalidanti, 3) qualsiasi ricovero in ospedale con COVID-19 e 4) incapacità di eseguire a livelli pre-malattia dopo appropriato riqualificazione. Gli atleti asintomatici senza segni clinici anormali sono considerati a minor rischio e il ritorno a giocare è consentito senza ulteriori test. Al contrario, gli atleti che soddisfano uno qualsiasi dei punti da 2 a 4 di cui sopra sono considerati a più alto rischio e richiedono una valutazione cardiovascolare completa comprendente elettrocardiogramma (ECG), ecocardiogramma, cTn e risonanza magnetica cardiaca con o senza ulteriore stress test e monitoraggio ECG ambulatoriale. Gli atleti con malattia prolungata oltre i 7 giorni o sintomi indicativi di miocardite vengono sottoposti a screening con ECG ed ecocardiogramma, seguiti da un test da sforzo massimo.

Ad oggi, sono stati pubblicati altri algoritmi di ritorno al gioco.7,8 Comune a tutti gli approcci – inclusi Bhatia e colleghi – è l’uso dei sintomi e il ricovero COVID-19 per stratificare il rischio degli atleti e guidare un’ulteriore valutazione. Unico nella strategia degli autori è l’incorporazione della durata dei sintomi e delle prestazioni sportive come parte della valutazione del rischio, mostrando la consapevolezza di possibili esiti avversi a lungo termine negli atleti dopo l’infezione da COVID-19. Data la prevalenza relativamente alta di coinvolgimento cardiovascolare in quelli con COVID-19, la disfunzione miocardica sub-clinica può spiegare una ridotta capacità di esercizio in coloro che si sono ripresi da COVID-19 ma non sono in grado di tornare al loro precedente livello di fitness nonostante la riqualificazione. La capacità di esercizio nei sopravvissuti alla SARS è stata notevolmente ridotta a 1 anno rispetto alle norme della popolazione.9 Poiché COVID-19 e SARS sono entrambe infezioni da coronavirus, si può prevedere un modello comparabile nei pazienti COVID-19. Oltre alle conseguenze specifiche della malattia, gli operatori sanitari dovrebbero anche monitorare attivamente gli atleti che ricevono la farmaco-terapia a causa dei potenziali effetti avversi correlati ai farmaci.10 Esempi includono: tossicità miocardica diretta con idrossiclorochina e aumento del rischio di sanguinamento dalla terapia anticoagulante, specialmente negli atleti che praticano sport di contatto.

Gli autori propongono diverse considerazioni per la pianificazione di eventi sportivi futuri. Molti di questi richiedono una stretta collaborazione con le organizzazioni governative, ad esempio lo screening del personale e degli spettatori per COVID-19 e la segregazione di viaggio e alloggio. Il governo del Regno Unito ha recentemente pubblicato documenti di orientamento per il ritorno graduale allo sport e al tempo libero, che approfondiscono questi aspetti in maggiore dettaglio.11

Mentre la comunità sportiva si prepara per un graduale ritorno alla normalità, la guida esperta fornisce la necessaria rassicurazione e direzione per tutti coloro che sono coinvolti nello sport ricreativo e competitivo.12 Poiché la conoscenza su COVID-19 continua ad evolversi, la collaborazione tra gli organismi sportivi internazionali sarà vitale per facilitare il consenso globale sulle migliori pratiche e raccomandazioni per lo sport e l’esercizio.

REFERENZE:

1.World Health Organization. Coronavirus disease (COVID-19) pandemic , https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019 (2020, accessed 17 May 2020).  Google Scholar
2.Bhatia RT, Marwaha S, Malhotra A, et al. Exercise in the Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus-2 (SARS-CoV-2) era: A Question and Answer session with the experts Endorsed by the section of Sports Cardiology & Exercise of the European Association of Preventive Cardiology (EAPC). Eur J Prev Cardiol 2020. 27: 1242–1251.  Google Scholar
3.Guzik, TJ, Mohiddin, SA, Dimarco, A, et al. COVID-19 and the cardiovascular system: Implications for risk assessment, diagnosis, and treatment options. Cardiovasc Res. Epub ahead of print 30 April 2020. DOI: 10.1093/cvr/cvaa106  Google Scholar
4.Shi, S, Qin, M, Cai, Y, et al. Characteristics and clinical significance of myocardial injury in patients with severe coronavirus disease 2019. Eur Heart J. Epub ahead of print 11 May 2020. DOI: 10.1093/eurheartj/ehaa408  Google Scholar
5.World Health Organization. Physical inactivity: A global public health problem , https://www.who.int/dietphysicalactivity/factsheet_inactivity/en/ (2020, accessed 13 May 2020).  Google Scholar
6.Scharhag, J, Meyer, T. Return to play after acute infectious disease in football players. J Sports Sci 2014; 32: 1237–1242.  Google Scholar | Crossref | Medline | ISI
7.Phelan, D, Kim, JH, Chung, EH. A game plan for the resumption of sport and exercise after coronavirus disease 2019 (COVID-19) Infection. JAMA Cardiol. Epub ahead of print 13 May 2020. DOI: 10.1001/jamacardio.2020.2136  Google Scholar
8.Baggish, AL, Drezner, JA, Kim, JH, et al. The resurgence of sport in the wake of COVID-19: Cardiac considerations in competitive athletes, https://blogs.bmj.com/bjsm/2020/04/24/the-resurgence-of-sport-in-the-wake-of-covid-19-cardiac-considerations-in-competitive-athletes/ (2020, accessed 14 May 2020).  Google Scholar
9.Hui, DS, Wong, KT, Ko, FW, et al. The 1-year impact of severe acute respiratory syndrome on pulmonary function, exercise capacity, and quality of life in a cohort of survivors. Chest 2005; 128: 2247–2261.  Google Scholar | Crossref | Medline
10.Naksuk, N, Lazar, S, Peeraphatdit, TB. Cardiac safety of off-label COVID-19 drug therapy: A review and proposed monitoring protocol. Eur Heart J Acute Cardiovasc Care 2020; 9: 215–221.  Google Scholar | SAGE Journals
11.Gov.UK Department for Digital, Culture, Media & Sport . Coronavirus (COVID-19): Guidance on the phased return of sport and recreation, https://www.gov.uk/government/publications/coronavirus-covid-19-guidance-on-phased-return-of-sport-and-recreation (2020, accessed 15 May 2020).  Google Scholar
12.Niebauer, J, Börjesson, M, Carre, F, et al. Brief recommendations for participation in competitive sports of athletes with arterial hypertension: Summary of a Position Statement from the Sports Cardiology Section of the European Association of Preventive Cardiology (EAPC). Eur J Prev Cardiol 2019; 26: 1549–1555.  Google Scholar | SAGE Journals | ISI

Author: Dott. Eugenio Isidoro Scibetta Co-Founder & Admin Scienze Salute e Benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: