Chinesiologia Cristiano Ialongo Freelance Sport

TEST DEL SALTO VERTICALE PER DETERMINARE LA POTENZA ANAEROBICA ALATTACIDA

Le possibiltà di ottenere risultati in molte attività sportive sono collegate alla capacità di generare forza in modo esplosivo. Il test del salto verticale è spesso impiegato per la valutazione del sistema di potenza alattacida (ATP-CP), ed ha come obiettivo di fornire una valutazione della forza esplosiva espressa dagli arti inferiori ed è un mezzo utile per determinare l’abilità atletica di base, specialmente negli sport in cui il salto è fondamentale per il successo. La capacità di valutare la potenza di salto può anche aiutare nella valutazione dei progressi di un atleta o nella determinazione dell’efficacia di un programma di allenamento. L’uso di una piattaforma di forza per determinare la potenza è proibitivamente costoso per molti che vorrebbero stimare la potenza di salto verticale. Questo è il motivo per cui è essenziale un metodo conveniente ed economico, ma ragionevolmente accurato.

TEST

Il test del salto verticale o anche chiamato Sergent Test, consiste nel misurare il massimo spostamento VERTICALE del baricentro che un soggetto è in grado di raggiungere con una singola prova di salto.

-POSIZIONE DI PARTENZA: il soggetto si pone a fianco alla parete in stazione eretta, talloni a terra e braccia distese lungo i fianchi. Con la mano destra/sinistra sporca di gesso o marcata di acqua tocca la parete lasciando un segno. La misura in cm dell’altezza massima raggiunta sulla parete dal polpastrello del dito medio rappresenta la posizione di partenza. (FIG 1)

-Il soggetto flette le gambe a 90°esposta le braccia all’indietro. (FIG2)

– Il soggetto esegue un salto andando a toccare il più in alto possibile la parete, con la mano sporca di gesso o acqua. (FIG 3)

– Si effettuano 3 PROVE, con un intervallo di 3-5 minuti e si registra la migliore.

– Si calcola la differenza tra l’altezza raggiunta sulla parete dal tocco della mano del soggetto durante il salto con l’altezza della posizione di partenza. La differenza tra la misurazione iniziale a riposo e la misura raggiunta con il salto corrisponde alla massima forza esplosiva degli arti inferiori.

STIMA DELLA POTENZA ANAEROBICA ALATTACIDA

La seguente equazione può essere applicata a entrambi i sessi e fornisce una stima della potenza alattacida espressa in watts (PAPw) a partire dalla misura dell’elevazione raggiunta in salto verticale espressa in cm (VJcm) e dalla misura della massa del soggetto espressa in chilogrammo (BMkg):

PAPw = 60,7(VJcm) + 45,3 (BMkg) – 2055

Esempio:

Un giovane adulto di sesso maschile di 26 anni che pesa 73 kg, al test di salto verticale registra un’elevazione pari a 43 cm, con un’altezza alla posizione di partenza paria 185 cm e un’altezza massima al salto pari a 228cm.

Potenza alattacida espressa in watt

PAPw = 60,7 (VJcm) + 45,3 (BMkg) – 2055

= 60,7 (43 cm) + 45,3(73 kg) – 2055

= 3862 W

Referenze


– McArdle. W. D., Katch. F.I., Katch, V. L., fisiologia applicata allo sport, a cura di G. Fanò, G. Miserocchi, casa editrice Ambrosiana.

https://journals.lww.com/acsm-msse/Fulltext/1999/04000/Cross_validation_of_three_jump_power_equations.13.aspx

AUTORE: Cristiano Ialongo Freelance e Chinesiologo di Scienze Salute e Benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: