Chinesiologia Freelance Medical Simona Gruppillo

(STROKE) O ICTUS: L’IMPORTANZA DELL’ESERCIZIO FISICO ADATTATO

L’ictus dal latino “colpo” – stroke in inglese – è un evento cerebrovascolare che capita d’improvviso, anche in pieno benessere, in modo inatteso. Si verifica, nell’80% dei casi, quando un’arteria cerebrale si chiude improvvisamente, determinando un’ischemia, cioè la brusca interruzione dell’apporto di sangue a una regione dell’encefalo. Solo nel 20% dei casi si verifica invece un’emorragia cerebrale per rottura di arteria.
L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) definisce l’ictus come una perdita di funzione cerebrale a insorgenza rapida, i cui sintomi durano almeno 24 ore e sono attribuibili esclusivamente a cause di natura vascolare. I fattori di rischio principali dell’ictus o una cardiopatia sono: l’ipertensione, l’aterosclerosi, il fumo di sigaretta e l’abuso di alcol, la sedentarietà, questi favoriscono altri fattori di rischio quali il sovrappeso e il diabete mellito. Anche se l’ictus è la terza, non la prima, causa più comune “Disability-Adjusted Life Years” (DALY), ovvero, gli anni di vita potenziali persi a causa di una morte prematura, includendo gli anni di vita “sana” persi, in virtù del cattivo stato di salute o di disabilità, nei paesi più sviluppati. È anche uno dei più costosi da trattare. Parte della spesa è dovuta a problemi secondari nel periodo post-ictus, tra cui: cognizione, memoria, capacità di attenzione, dolore, perdita di sensazioni, problemi psicologici e problemi di mobilità ed equilibrio. Le possibili conseguenze di un ictus cerebrale sono: paralisi di un braccio o di una gamba, di un’intera metà del corpo (emiparesi) o di metà del viso (paresi facciale). Difficoltà di deambulazione: a causa di paralisi, di aumentata tensione muscolare (spasticità) o anche di disturbi della sensibilità la capacità di camminare è ridotta.

Disturbi della sensibilità: disturbi della percezione della temperatura o di quella tattile, di solito nel lato del corpo paralizzato. Disturbi della vista: veder doppio (diplopia) o perdite di campo visivo e raramente diminuzione dell’acuità visiva. La più frequente è l’emianopsia, in cui non si percepisce più metà del campo visivo. Disturbi del linguaggio (afasia): a causa di una lesione del centro del linguaggio situato nel cervello, le persone colpite hanno difficoltà a comprendere quanto vien detto (afasia sensoria), a parlare (afasia motoria) o entrambe (afasia globale). Disturbi dell’articolazione delle parole e della deglutizione (disartria): a causa di paralisi nell’ambito della bocca, della gola o della lingua la funzione masticatoria e quella di deglutizione sono perturbate. Solitamente i pazienti hanno anche difficoltà nel parlare. Disturbi della percezione: le persone colpite, pur vedendo e udendo, non sono in grado di interpretare e ordinare correttamente le percezioni. Di conseguenza è possibile che il paziente, per esempio, non si ritrovi in un ambiente a lui familiare o non riconosca più dei conoscenti. Aprassia: in questo caso non è possibile effettuare determinati movimenti o atti pur non essendoci paralisi. Cambiamenti emozionali: la lesione cerebrale può causare un cambiamento dello stato d’animo, per esempio sotto forma di disturbi dell’adattamento quali depressioni o paure, ma anche delle reazioni di aggressività, irritazione. Disturbi della memoria: vuoti di memoria (amnesia) o perdita della capacità di ricordare, dopo vari ictus anche demenza. Stanchezza: molti pazienti si lamentano anche di maggior stanchezza, mancanza di energia e di stimoli. Il deterioramento cognitivo dopo l’ictus è comune e può causare disabilità con importanti impatti sulla qualità della vita e sull’indipendenza. Ci sono anche effetti indiretti del deterioramento cognitivo sul recupero funzionale dopo l’ictus attraverso una ridotta partecipazione alla riabilitazione e una scarsa aderenza alle linee guida del trattamento. Il recupero funzionale e neurologico è la sfida principale da affrontare nei pazienti colpiti da ictus. Molti studi sono concordi nel sostenere che la prima fase dopo l’ictus (1-3 mesi) è quella in cui si riescono ad ottenere i maggiori miglioramenti in termini funzionali, anche se il recupero può continuare anche successivamente.**
La ricerca ha identificato che l’esercizio ha una duplice funzione, in quanto riveste un ruolo importante sia nella prevenzione delle patologie cardiovascolari svolgendo un effetto protettivo nei confronti dell’ictus,  sia effetti fisici che psicosociali positivi per i pazienti post-ictus, rapporti clinici ed epidemiologici, studi pubblicati su morbilità e mortalità, linee guida cliniche e di salute pubblica, file di pazienti e dichiarazioni autorevoli per supportare questa panoramica. L’evidenza supporta chiaramente l’uso di vari tipi di esercizio fisico (ad esempio, aerobico, forza, flessibilità, resistenza, neuromuscolare, ed esercizio tradizionale cinese) per i sopravvissuti all’ictus.

L’esercizio aerobico, la forma principale della riabilitazione cardiaca, può giocare un ruolo importante nel migliorare la forma aerobica, la forma cardiovascolare, le abilità cognitive, la velocità e la resistenza alla camminata, l’equilibrio, la qualità della vita, la mobilità e altri risultati di salute tra i pazienti con ictus. Sempre più studi hanno riportato l’effetto dell’esercizio aerobico sulle prestazioni cognitive in pazienti colpiti da ictus. L’esercizio aerobico può avere infatti, un effetto positivo sul miglioramento della capacità cognitiva globale e un potenziale beneficio sulla memoria, l’attenzione e il dominio visuospaziale della cognizione nei sopravvissuti all’ictus. L’esercizio aerobico, indipendentemente dalla modalità, che precede la pratica del compito motorio può migliorare la HRQOL (la qualità della vita correlata allo stato di salute) nei pazienti con ictus. L’esercizio di forza, incluso nelle linee guida nazionali sull’ictus e raccomandato per la promozione generale della salute per i sopravvissuti all’ictus, può portare a miglioramenti nella funzionalità, nella funzione di equilibrio dinamico, negli aspetti psicosociali e nella qualità della vita dei pazienti post-ictus.

Gli esercizi di flessibilità possono alleviare i problemi di spasticità muscolare, migliorare la funzione motoria, la gamma di movimento e prevenire le contratture. 

Gli esercizi di stretching possono anche prevenire le contratture articolari, l’accorciamento dei muscoli, diminuire la spasticità, ridurre la rigidità delle articolazioni e migliorare la funzione generale del paziente dopo l’ictus. Nella condizione acuta, l’allungamento di un’unità muscolo-tendinea diminuisce l’eccitabilità riflessa spinale, che riduce la tensione passiva e aumenta il range di movimento dell’articolazione. Allo stesso modo, la partecipazione a un programma di stretching diminuisce l’attività dei riflessi tonici e aumenta la flessibilità.

Gli esercizi neuromuscolari possono migliorare le attività della vita quotidiana (ADL) attraverso attività di coordinazione ed equilibrio.

Gli esercizi tradizionali cinesi (Tai Chi, Tai Ji Quan, etc) sono utilizzati per migliorare la capacità di camminare e l’equilibrio, nonché per aumentare la forza muscolare, che è importante per i pazienti dopo l’ictus. Il Tai Chi può essere efficace nel migliorare la forma fisica cardiorespiratoria negli adulti sani.
Il Tai Ji Quan, sviluppato come arte marziale, è tradizionalmente servito a molteplici scopi, tra cui la promozione della salute. Per quanto riguarda la salute, i benefici storicamente e aneddoticamente associati al Tai Ji Quan sono ora supportati dalla ricerca scientifica e clinica, con prove crescenti che indicano il suo potenziale valore nella prevenzione e gestione di varie malattie e nel miglioramento del benessere e della qualità della vita negli adulti di mezza età e più anziani. Tuttavia, a causa delle sue radici nelle arti marziali, è necessario trasformare i movimenti e gli approcci di allenamento tradizionali del Tai Ji Quan in approcci terapeutici innovativi e contemporanei che integrano componenti motorie, sensoriali e cognitive per migliorare il controllo posturale e la mobilità degli adulti anziani e di coloro che hanno problemi di movimento neurodegenerativi con l’obiettivo finale di migliorare l’equilibrio e l’andatura, migliorando le prestazioni dei compiti funzionali quotidiani e riducendo l’incidenza delle cadute tra gli anziani. La presente prova sostiene fortemente il potere dell’esercizio per i pazienti dopo l’ictus, che in questo studio ha combinato esercizi aerobici, allenamento della forza, esercizi di flessibilità, di resistenza, esercizi neuromuscolari, ed esercizi tradizionali cinesi. Questa ricerca può incoraggiare i sopravvissuti al post-ictus a considerare l’importanza dell’esercizio nel processo di riabilitazione. Questo articolo ha sintetizzato le risorse che riportano linee guida per l’allenamento aerobico e di resistenza per le persone con ictus. I dati sono stati estratti (frequenza, intensità, tempo e tipo di esercizio) e sintetizzati in tre serie di raccomandazioni. Le linee guida per l’esercizio per l’ictus raccomandano 3-5 giorni alla settimana di allenamento aerobico (20-40 minuti a intensità moderata) e 2-3 giorni alla settimana di allenamento della resistenza (1-3 serie di 8-15 ripetizioni tra il 30% e il 50% di 1 ripetizione massima). Questa armonizzazione delle linee guida sull’esercizio fisico fornisce una base prescrittiva per gli operatori sanitari, i professionisti dell’esercizio fisico e le persone con ictus per quanto riguarda la programmazione degli esercizi.
Gli obiettivi dell’attività fisica e la prescrizione di esercizi per i sopravvissuti all’ictus devono essere personalizzati per l’individuo per massimizzare l’aderenza a lungo termine. L’attività fisica e la prescrizione di esercizi dovrebbero essere incorporate nella gestione dei sopravvissuti all’ictus. La promozione dell’attività fisica nei sopravvissuti all’ictus dovrebbe enfatizzare l’attività aerobica da bassa a moderata intensità, l’attività di rafforzamento muscolare, la riduzione del comportamento sedentario e la gestione del rischio per la prevenzione secondaria dell’ictus.

Referenze


– Clinical Evidence of Exercise Benefits for Stroke- Peipei Han, Wen Zhang, Li Kang, et al.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29098620/ 

– Physical activity and exercise recommendations for stroke survivors: a statement for healthcare professionals from the American Heart Association/American Stroke Association- Sandra A Billinger, Ross Arena, Julie Bernhardt, Janice J Eng, Barry A Franklin, Cheryl Mortag Johnson et al.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24846875/

– Aerobic Exercises for Cognition Rehabilitation following Stroke: A Systematic Review- Guohua Zheng, Wenji Zhou, Rui Xia, Jing Tao, Lidian Chen.https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27554073/ 

Combined Aerobic Exercise and Task Practice Improve Health-Related Quality of Life Poststroke: A Preliminary Analysis.https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30543801/ 

Comparison of effect of aerobic cycle training and progressive resistance training on walking ability after stroke: a randomized sham exercise-controlled study.https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18422947/ 

– Exercise Training Guidelines for Multiple Sclerosis, Stroke, and Parkinson Disease: Rapid Review and Synthesis – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30844920/ 

– Benefits of aerobic exercise after stroke – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/8724202/


Stroke, cognitive deficits, and rehabilitation: still an incomplete picture – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23280268/ 

– Reduction of spastic hypertonia during repeated passive knee movements in stroke patients – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12098152/ 

– Neural aspects of muscle stretching –https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17031252/

– The effect of static stretch and warm-up exercise on hamstring length over the course of 24 hours –https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/14743986/ 

– The effect of Tai Chi training on cardiorespiratory fitness in healthy adults: a systematic review and meta-analysis- Guohua Zheng, Shuzhen Li, Maomao Huang, Feiwen Liu, Jing Tao, L. Chen https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25680184/

– Transforming traditional Tai Ji Quan techniques into integrative movement therapy- Tai Ji Quan: Moving for Better Balance – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25126445/ 

– Eccentric versus concentric resistance training to enhance neuromuscular activation and walking speed following stroke – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23292848/ 

– A community-based fitness and mobility exercise program for older adults with chronic stroke: a randomized, controlled trial – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16181164/ 


Muscle strength and muscle training after stroke – 
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17225032/ 

– Strength Training for Skeletal Muscle Endurance after Stroke – https://www.strokejournal.org/article/S1052-3057(16)30420-7/fulltext 

– The effects of isokinetic eccentric resistance exercise for the hip joint on functional gait of stroke patients – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24259940/ 

– Influence of Resistance Exercise Training to Strengthen Muscles across Multiple Joints of the Lower Limbs on Dynamic Balance Functions of Stroke Patients – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25202193/ 

– [Paganini-Hill et al., 1986; Paolucci et al., 1997; Hoenig et al., 1999; Lineeguida italiane, 2001; Reker et al., 2001; Sargeant et al., 2001; Bogousslavsky et al., 2003) de Haan et al., 1993; Charlton et al., 1994; Kwakkel et al., 1996; Duncan et al., 1997; Mayo et al., 1999; Lai et al.,2001].

AUTORE: Simona Gruppillo Freelance e Chinesiologa di Scienze Salute e Benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: